Gli Spaccia Lezioni

Escogito Ergo Sum

Recensione a “The Rapture” di Liz Jensen


7651432

ENGLISH VERSION

Titolo: The Rapture

Autore: Liz Jensen

Editrice: Bloomsbury

Edizione: 2009

Pagine: 341

Prezzo: £ 7,99

 

Trama in breve

Gabrielle Fox è una trentenne determinata a ricominciare a vivere la sua nuova vita partendo dal lavoro. Due anni prima, Gabrielle è stata coinvolta in un incidente stradale causato da una discussione tra lei e il compagno mentre lui era la volante. Al suo risveglio in ospedale la donna scopre di aver perso il suo bambino e di essere rimasta paralizzata.

Dopo due anni di riabilitazione e valutazioni psicologiche, riesce ad ottenere una lettera di referenze che le permette di tornare al lavoro come psichiatra all’Oxsmith Hospital.

Decisa a chiudere ogni sentimento legato alla sua vita precedente di “donna vera” (come lei stessa si definisce), ritorna al suo campo di studi, la psichiatria infantile, cercando di creare una nuova immagine di se stessa, che comprenda la sua nuova “amica”, la sedia a rotelle, ed elimini tutto ciò che è stata prima.

Il primo caso sottoposto a Gabrielle la porta a fare la conoscenza di Bethany Krall, un’inquietante adolescente che ha ucciso la madre a colpi di cacciavite. Già dalla prima seduta la donna capisce che c’è qualcosa di strano e oscuro nella ragazza, la quale sembra avere rimosso completamente l’accaduto, rifugiandosi in un mondo di ribellione, violenza fisica e verbale e odio nei confronti del padre, il reverendo Leonard Krall. Fin dall’inizio Bethany mostra tutta la sua potenza dicendo e dimostrando di riuscire a leggere nelle persone attraverso un semplice tocco.

“There’s power in the blood”, “C’è potere nel sangue”, questa la frase che accompagna e sarà il mantra di tutta la storia.

Per puro caso Gabrielle incontra il professor Frazer Melville, biologo, che si lascia affascinare dai racconti della donna su questo fantomatico “Child B” e le sue abilità.

Per entrare in contatto con Bethany, Gabrielle decide di introdurre l’Art Therapy, cercando di convincere la ragazza a disegnare quanto successo con sua madre. Da questo momento ogni immagine raffigurata dalla ragazza assume un significato completamente diverso. I disegni vengono raccolti in vari Art Book, in base al momento in cui sono stati fatti, e tutti rappresentano una catastrofe naturale, viste da varie angolazioni.

Anche se, all’inizio, la psichiatra li reputa solo un modo per negare la realtà, i fatti cominciano a succedersi uno dopo l’altro. Un terremoto a Istanbul, un altro a largo delle coste del Brasile, con il conseguente crollo della statua del Cristo di Rio. Gabrielle e Frazer sono sconvolti dalla precisione delle previsioni di Bethany e mettono a rischio le proprie carriere pur di scoprire la verità e il significato dell’ultimo disegno, il The Rapture, la mano di Dio che salverà i giusti e condannerà i peccatori a vivere i giorni della sofferenza.

Commento

Lj-20-questions-for-author-liz-jensen-the-uninvited-120613-de__large

L’autrice: Liz Jensen

The Rapture” è la prima lettura che affronto interamente in inglese, con dizionario inglese e poco utilizzo di quello inglese – italiano. Ammetto che all’inizio è stato molto difficile entrare nella storia e comprenderne appieno le sfumature. Dopo le prime 30-40 pagine ho iniziato a capire e apprezzare lo stile dell’autrice, che risulta essere molto pulito e freddo, con pochi picchi di sentimentalismo e molta urgenza nel raccontare quanti danni stia facendo l’uomo alla natura e come essa sia pronta a ribellarsi da un momento all’altro. Nel corso della lettura ho potuto apprezzare un linguaggio tecnico perfettamente in grado di rappresentare il desiderio di distacco della protagonista dal sentimento comune. Leggendo questo libro ho potuto condividere il desiderio di rivincita e di indipendenza di Gabrielle; desiderio tipico di tutte le donne che sono state ferite nel loro intimo e nel proprio essere donne.

La ricerca spasmodica di una spiegazione logica agli avvenimenti che si susseguono, potrebbe essere letta come il bisogno di certezze che si scontra con l’istinto naturale in ogni donna, che non può essere messo a tacere perché sempre in contatto con la Natura. Ne scienza ne religione possono spiegare il noto “sesto senso” femminile, perché troppo complesso per essere catalogato.

Detto questo, credo che cercherò altri libri di questa autrice. La sua scrittura mi ha coinvolto molto e credo che altri suoi lavori potrebbero essere degni di nota.

VOTO: 8

Tamara V. Mussio – Gli Spaccia Lezioni

Annunci

Un commento su “Recensione a “The Rapture” di Liz Jensen

  1. Pingback: Book review – “The Rapture” by Liz Jensen | Gli Spaccia Lezioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Conservare In Frigo

le cose buone che mi capitano

Marilena in the kitchen "old fashioned recipes"

"In ogni piatto c'è sempre un ingrediente unico ed irripetibile, frutto della tua energia, delle tue emozioni"(Marilena)

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

Håkan Östlundhs blogg

Om och av författaren Håkan Östlundh

Fuoco di Prometeo

Il MISTERO a portata di mano!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: