Gli Spaccia Lezioni

Escogito Ergo Sum

Manzoni sì, Manzoni no: voi che dite?


Buongiorno Spaccia Lezioni,

in questi giorni il la rivista “L’Undici, informazione pura“, ha riproposto il mio articolo “Indigestione Manzoniana“, nel quale racconto i pensieri fatti durante gli anni di studio, di fronte al celebre romanzo “I Promessi Sposi”.

studente_disperatoRicordandomi cosa pensavo quando ero studente e cosa ne dicevano i compagni, ho pensato di “smontare” il grande capolavoro dell’Ottocento, proponendone una lettura “particolare”.

Voi siete sopravvissuti a quello che, per me, è stato un calvario letterario? L’avete amato? Odiato? Rivalutato?

Qui sotto riporto l’articolo. Aspetto i vostri commenti!

“C’è un libro che fa tremare tutti gli studenti italiani. Il temibile romanzo “I Promessi Sposi” di quel pretone di Alessandro Manzoni con i suoi due polli, Renzo e Lucia. Qualcuno si chiederà perché ce l’ho a morte con uno dei più grandi classici dell’Ottocento. Semplicemente l’ho detestato; già alle medie mi sarei letta più volentieri “I Malavoglia” in edizione integrale piuttosto che dedicare anche un solo minuto ai Promessi.

Chi, come me, non ama le storie romantiche, già parte in svantaggio. Si aggiunga che, prima di arrivare al romanzo effettivo, ogni studente deve sorbirsi le tragedie manzoniane, l’orticaria alla seconda lezione è assicurata! Ammetto che, anche il più appassionato insegnante manzoniano, non sarebbe riuscito a farmelo digerire. Ovviamente i gusti sono gusti ma andiamo per gradi.

Ricordo che “I Promessi Sposi” è considerato il Romanzo Storico per eccellenza, che mostra la città di Milano nel periodo della pestilenza del Seicento, attraverso alcuni personaggi che raccontano la propria storia romanzata, inserita in una cornice storica reale.

Forse fino agli anni Cinquanta del Novecento era una lettura accettabile per gli studenti, ma la società si è evoluta e l’eterno peregrinare di questi due poveri disgraziati diventa insostenibile. Chi e cosa fanno abbioccare gli studenti?

Renzo e Lucia sono due comuni mortali, lei neppure tanto gnocca, che si trovano in difficoltà per colpa di un farfallone arrapato, egocentrico e piagnucolone, chiamato Don Rodrigo. Diciamocelo, Manzoni non ha saputo creare degli “antagonisti” seri. Don Rodrigo è una specie di Draco Malfoy ante litteram. Un frignone abituato ad avere tutto ciò che vuole e quando gli pare. Se non riesce ad ottenerlo, come non è riuscito ad avere Lucia, ecco che corre a chiedere aiuto a “paparino” l’Innominato. Anche qui cadono le braccia. L’Innominato, così cattivo che nemmeno se ne dice il nome (Colui che non deve essere nominato), il duro più duro che c’è… Una notte ad ascoltare quella gatta morta di Lucia che prega e si scioglie come un budino! Sono molto perplessa!

1320509462Renzo, il bravo ragazzo, il buon partito che fa più casino dei bravi. Matrimonio a sorpresa, quasi fa venire un infarto a Don Abbondio, coinvolto nella mischia dei tumulti di Milano, in fuga come un ricercato, entra nel Lazzaretto per convincere la sua ex futura sposa a mollare tutto per la fuitina… Poi si chiedono perché i ragazzi di oggi hanno una visione distorta dell’amore!

Don Abbondio e Fra Cristoforo: Tordo uno e tordo due! Il primo che si lascia guidare come un cagnolino da Perpetua (per fortuna le donne erano considerate una nullità, se non ci fosse lei non si muoverebbe un alito di vento.) Il secondo decide di prendere la strada più lunga (si diceva “la strada che conduce al Signore non è mai facile ma piena di salite e di ostacoli.” Alla faccia, sembra un percorso di Triathlon infinito!) Fra Cristoforo, che non si fa intimidire da nessuno, li potrebbe sposare e chiudere questo supplizio una volta per tutte… No! Che pensa il buon frate: “Separiamoli per un po’ intanto che metto a posto le cose!” Allora ammettilo, Alessandro, che sei un sadico. Vuoi torturare gli studenti del futuro!

Renzo e LuciajpgLucia: è una donna insipida, inutile. Tanto valeva che Renzo si comprasse una bambola gonfiabile (magari ne esistevano anche all’ora, in lino). Spaventata da tutto e da tutti, ma ha il coraggio di andare ad infilarsi nel Lazzaretto a farsi appestare! Tanto “Dio vede e provvede.” Piano con le sfide signorina, che stai tirando la corda. Non è sufficiente. Le dicono di avere pazienza, di aspettare, che al momento opportuno Renzo tornerà da lei, e lei che fa? Fa un voto di castità alla Madonna! Quel povero citrullo le sta provando tutte per ritrovarti e sposarti… e tu vai a metterti un’ipoteca sulla patata? Mi auguro, a questo punto, che il pollo se ne sia trovata un’altra nell’attesa. No! Perché l’unico uomo fedele e veramente innamorato (anche un po’ cretino) l’ha trovato lei! Gli altri sbavano ad ogni centimetro di caviglia nuda e lui pensa solo alle tue caviglie e nient’altro. A questo punto della lettura ho già voglia di dar fuoco a qualcosa… Voto di castità infrangibile, nemmeno fosse una stregoneria sciamanica. Allora cercano qualcuno che possa spezzarlo… Mollare tutto e via!? Troppo difficile? Certo che sì! Lucia fa tanto di muso lungo, con lacrime, ansia, manca solo l’attacco di panico, e lui che resta a rosicarsi fino ai gomiti perché ci ha messo troppo ad arrivare. A volte è proprio vero che le donne la fanno più difficile di quello che è!

Monaca-di-Monza-3La Monaca di Monza. Un gran dispiacere che ti abbiano abbandonata in un convento contro la tua volontà, ma tu lì non ci vuoi stare. Hai già “assaggiato” i piaceri della carne, hai addirittura ucciso per un uomo… che cosa ci fai ancora lì? Fai armi e bagagli e sparisci! Ti hanno regalato un crocifisso talmente esagerato che, a rivenderlo, ti ci compreresti una villetta sul Lago di Garda… In compenso aiuterà il suo amante a far contento Don Rodrigo e l’Innominato facendo rapire Lucia. Invece di far rapire la babbiona, prendi i tuoi due straccetti (che valgono più di tutta la dote della ragazza) e vai! Se ti togli il velo nessuno ti riconoscerà più! Rifatti una vita. Altra donna che la fa più complicata del necessario.

Cerca che ti cerco, alla fine i due polli riescono a spezzare il voto di castità, ritrovarsi, stare insieme e… decidono di attraversare l’Adda e trovare rifugio nella Repubblica Veneziana. Pensarci fin dall’inizio? Ammettiamolo, questo non è un libro per crescere, ma per mettere alla prova la predisposizione zen degli studenti.

Concludo con il tema “religione”. Comprendo appieno la necessità di mettere tutta la propria fede, speranza e il suo fervore religioso negli “Inni sacri”. Tuttavia la “fede” e la “provvidenza divina” inserita in un romanzo corposo, lungo, complesso e già incentrato sul tema storico come “I Promessi Sposi” rende il tutto più surreale e patetico. Io immagino la realtà dei fatti, in una situazione come il rapimento di Lucia, nel quale da un lato abbiamo un conte arrapato pronto all’assalto che aspetta solo di avere tra le mani sta ragazza; dall’atra un grande capo di cui quasi nessuno consce il volto e nessuno proprio ne conosce il nome, che si lascia impietosire da una notte di preghiera. (Dio provvede). Renzo si ammala di peste e guarisce, Lucia si getta a capofitto nel Lazzaretto per soccorrere i malati senza ammalarsi (Dio Provvede). Don Rodrigo muore di peste abbandonato dai suoi bravi (Dio ha provveduto). Alla fine della storia i due se ne vanno al di là dell’Adda e vissero felici e contenti (Dio ha provveduto) Non poteva provvedere con anticipo evitando questo mattone immenso prima che venisse scritto? Fermamente convinta che sia una punizione divina!

Ammetto che ci sono state delle parti non proprio così pesanti, con dei personaggi interessanti come l’avvocato Azzeccagarbugli e Perpetua… tutto il resto può andare tranquillamente al rogo insieme a Pinocchio!

Chiudo con un consiglio. Per chi proprio non riesce a digerire “I Promessi Sposi”, è stato fatto un Musical, sul modello del Notre Dame de Paris. Sarà per la musica, sarà che le voci presenti nello spettacolo sono incredibilmente suggestive, sarà che c’era la pubblicità in mezzo, sono riuscita ad apprezzarlo moltissimo e, addirittura, appassionarmi alle canzoni. Il titolo è “I Promessi Sposi – opera moderna” e in Youtube sono presenti alcuni spezzoni da brividi. Risolleviamoci i morale con questo brano che anticipa il primo tentativo di matrimonio, “La sposa”.”

Tamara V. Mussio da L’Undici – Informazione Pura

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Conservare In Frigo

le cose buone che mi capitano

Marilena in the kitchen "old fashioned recipes"

"In ogni piatto c'è sempre un ingrediente unico ed irripetibile, frutto della tua energia, delle tue emozioni"(Marilena)

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

Håkan Östlundhs blogg

Om och av författaren Håkan Östlundh

Fuoco di Prometeo

Il MISTERO a portata di mano!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: