Gli Spaccia Lezioni

Escogito Ergo Sum

Converge – live at Magnolia – 13/09/2013


13 Agosto, il quartetto di Salem è tornato in Italia, al Circolo Arci Magnolia (MI), per coprire una delle tappe del tour estivo “Europa Rising 2014”, accompagnati dagli svedesi Martyrdöd e dai norvegesi Okkultokrati. Potevo non esserci? Ovviamente no!

Poster Tour Europa Rising 2014La prima volta che vidi i Converge sul palco, avvenne il 19 Dicembre 2012, al Factory (MI), in occasione del “All We Love We Leave Behind European Tour”; io ed il mio amico Draz lo definimmo ”il concerto prima della fine del Mondo” (vi lascio intuire il perché…) e i gruppi spalla erano i Touché Amoré, A Storm of Light e The Secret (di quest’ultimi, ve ne parlerò in futuro…). Una figata! Avendo quindi una mezza idea di quello che mi sarei aspettato dai Converge, l’unica cosa che volevo sfatare, era quello che avrebbero offerto gli altri due gruppi, dato che sapevo poco o nulla di loro…

Okkultokrati 5I primi a calcare la scena furono gli Okkultokrati, band formatasi nel 2008 ad Oslo, con tre album pubblicati, di cui l’ultimo, “Night Jerks”, è uscito quest’anno. Il loro genere spazia tra il black-metal e l’hardcore, con un sound che sa molto di metal “vecchia scuola”. Dal vivo hanno fatto una gran buona performance, anche se, forse, il volume del microfono era troppo alto, tanto che, ad ogni screamo del cantante, quasi mascherava del tutto il suono degli strumenti e il palco era un po’ piccolo per una band formata da cinque persone, ma quest’ultima considerazione non era un grosso problema, specialmente per il bassista: tra salti, headbanging ed altre evoluzioni, come fosse iperattivo, riusciva a sfruttare ogni spazio libero senza creare casini!

Martyrdöd 7Dopodiché, i norvegesi passano la palla ai loro “vicini di casa” svedesi Martyrdöd, classe 2003 di Göteborg, genere metal e crust-core, cinque album registrati e, come gli Okkultokrati, l’ultimo disco intitolato “Elddop” è uscito proprio quest’anno. Sul palco, i quattro componenti fanno un gran bel live, tralasciando la recita della rockstar “stereotipata” da parte del leader cantante/chitarrista, la performance è stata grandiosa. La parte di maggior spicco è stata senza dubbio il brano “Martyren”, con un ritmo leggermente rallentato ed eseguita in modo impeccabile, il risultato era a dir poco epico! Ascoltatela ed immaginatela in chiave live…

Mentre i Martyrdöd levavano le tende, lo staff cambiava i connotati del palco: sostituzione dei piatti e delle pelli della batteria, gli amplificatori Marshall lasciano il posto agli amplificatori Orange e viene aggiunto un terzo microfono. Non solo il palco, anche il pubblico dietro di me stava mutando, più vicino alle prime file e sempre più in aumento, finché, uno alla volta, arrivarono i pezzi forti della serata: i Converge!

Converge 1Il loro inizio è al fulmicotone con “Eagles Becomes Vultures” e la folla impazzisce, spingendosi il più avanti possibile verso i quattro musicisti, specialmente a Jacob che ogni tanto, puntava il microfono verso una platea infuriata (nel senso buono…), smaniosa di farsi sentire e facevano veramente di TUTTO pur di farcela! La scaletta comprendeva brani classici del loro repertorio (dall’album “Jane Doe” in poi) come “Dark Horse”, “Heartless”, “Axe to Fall”, “Heaven in Her Arms”, senza dimenticare quelli del loro ultimo disco “All We Love We Leave Behind” tra cui “Aimless Arrow”, “Empty on the Inside” e la title track, ma la situazione sotto il palco era sempre la stessa; pogo, headbanging e tentativi di invasione di palco andati in fumo dall’intervento dei bodyguard (evitando probabili stage-diving), si poteva spiegare il tutto in due parole: anarchia pura. L’unico modo per dare una “calmata” al pubblico, era “Grim Heart/Black Rose”, cosa che mi ha sorpreso non poco, dato che si tratta di una delle poche ballad scritte dalla band, creando così un atmosfera meravigliosa e conciliante, per poi gettare di nuovo tutto nel caos più totale. Quando tutto sembrava finito, il popolo urlò più volte ”One more song!” e i Converge li accontentano quasi subito, non con una, ma ben due canzoni: “Concubine” e “Last Light”; i presenti approvarono come solo il pubblico sa fare!

In conclusione; è stato un concerto straordinario, in cui ho avuto l’occasione di ascoltare due band molto interessanti a cui vale la pena concedere un occhio di riguardo e i Converge hanno dimostrato, ancora una volta, di essere i migliori non solo nel fare musica e nei live, ma anche dimostrando il loro affetto verso il pubblico; nelle pause durante il concerto, interagivano e scherzavano con loro e alla fine si sono resi disponibili per ringraziarli con strette di mano (io ci sono riuscito con Ben Koller), purtroppo solo per poco tempo; l’indomani avevano un altro live in Germania che li aspettava! Riguardo questo loro affetto, ho avuto un’esperienza personale che non dimenticherò facilmente: prima che iniziasse il concerto, ho trovato una persona che mai e poi mai mi sarei aspettato di incontrare; Kurt Ballou! Emozionato e timoroso di disturbarlo, ho chiesto una foto e lui ha accettato molto volentieri.

Kurt Ballou & Moreno A

Autografo Kurt Ballou

Poco dopo (ancora incredulo dell’episodio precedente…) sono andato allo stand della vendita merchandise e ho ritrovato Kurt seduto ad un tavolino; subito ho comprato il poster del tour e una t-shirt dei Converge, ho chiesto ai commessi una penna o qualcosa per scrivere e loro mi hanno dato un pennarello nero. Sono andato dritto verso il chitarrista, mi sono scusato per l’interruzione, una seconda volta, e gli ho chiesto l’autografo. Lui ha accettato e l’ho ringraziato di nuovo. Ero la persona più felice del Mondo!

Acquisti

Ringrazio il mio amico Fra non solo per aver scattato la foto di me e Kurt, ma anche per aver condiviso con me questa fantastica serata!

Riguardo la t-shirt, ho scoperto che l’illustrazione è stata disegnata, in occasione del tour, dall’artista inglese Rickey Beckett, famoso per i suoi bellissimi lavori per altre band come Metallica, Mastodon, Kvelertak e Sick of it All, e raffigurazioni per film e serie TV come “Il Signore degli Anelli” e “Game of Thrones”!

Ora basta con le parole, vi lascio con i migliori scatti durante il live!

P.S. Ve l’ho già detto che è stata una figata?

Converge 8

Converge

Martyrdöd 4

Martyrdöd

Okkultokrati 3

Okkultokrati

Moreno A – Gli Spaccia Lezioni

Links:

_Circolo Arci Magnolia: http://www.circolomagnolia.it

_Converge: http://www.convergecult.com

_Recensione album “Jane Doe” + Links album Converge: https://glispaccialezzioni.wordpress.com/2014/06/29/converge-jane-doe

_ Martyrdöd: https://www.facebook.com/martyrdod

_ Martyrdöd bandcamp: http://martyrdoedsl.bandcamp.com/music

_Okkultokrati: https://www.facebook.com/okkultokrati

_Okkultokrati bandcamp: http://okkultokrati.bandcamp.com

_Rickey Beckett: http://www.richeybeckett.com

Annunci

3 commenti su “Converge – live at Magnolia – 13/09/2013

  1. Hanzzna
    15 settembre 2014

    Ciao, non vorrei fare il pignolo ma l’articolo contiene alcuni errori: il titolo esatto delle canzoni è “Heaven In Her ARMS” e “Empty ON The Inside”, mentre “Effigy” e “Black Cloud” non le hanno suonate!

    Mi piace

    • tamaramussio
      16 settembre 2014

      Grazie, segnalerò la cosa all’autore dell’articolo. Sfortunatamente non li conosco molto bene e non ero presente al concerto. Tamara

      Mi piace

    • tamaramussio
      17 settembre 2014

      L’autore si scusa per gli errori, ora corretti e per le canzoni aggiunte, e ringrazia per la segnalazione. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 29 agosto 2014 da in UPROARt con tag , , , , , , , .
Conservare In Frigo

le cose buone che mi capitano

Marilena in the kitchen "old fashioned recipes"

"In ogni piatto c'è sempre un ingrediente unico ed irripetibile, frutto della tua energia, delle tue emozioni"(Marilena)

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Photoworlder

Il mio scopo principale è viaggiare, eternamente nomade.

Håkan Östlundhs blogg

Om och av författaren Håkan Östlundh

Fuoco di Prometeo

Il MISTERO a portata di mano!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: